PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La notte nera

Senti che silenzio questa sera.
La notte è così nera,
così scura
che fa quasi paura.

All'improvviso un pianto, un lamento.
Ma no, è solo il vento
che fischiando
ed ululando
dalla sua caverna giù nelle Eolie uscito è,
ed ora scorazzando se ne va
sopra i monti, sopra il mare, in campagna ed in città.
In questa notte nera,
in questa notte scura
che fa quasi paura,
infliggendo ferite alla natura.

Si sente uno squittio,
uno stridio.
E'un rapace che a caccia va
e la sua preda ha preso già.
In questa notte nera,
in questa notte scura
che fa quasi paura
è sempre la natura
che trova la sua normalità.

Continua ancora il vento,
ed è un tormento
il suo ulular.
L'alba si avvicina, speriamo che torni presto nella sua grotta a riposar.

Il sole dietro i monti appare e guarda giù
lo scempio che ha fatto il vento che non c'è più.
Guardi anche tu e pensi già
che oggi è un'altro giorno e tutto piano, piano si sistemerà.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 24/11/2011 15:18
    belllissima come sempre bravo...
  • Giacomo Scimonelli il 17/01/2011 23:09
    molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0