accedi   |   crea nuovo account

A quelle come me

Altari di sconcerto s'innalzano
davanti alla schiettezza della luce
a supplicar conoscenza

Conche d'amore smerlate
in attesa di un prato
dal niente fiorito

sentimento lordato dall'odio
affidato ai pugni chiusi
di un regista malato


all'imposto cibo scaduto
stomaco si rivolta
roteando vuoto

l'ultimo bicchiere miele fresco
avrà la faccia tosta
di esplodere nel lavandino

Saranno gemiti dannosi
alle cicatrici scucite
-di quelle come me-

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 08/01/2014 03:12
    Piaciuta... complimenti.

4 commenti:

  • Anonimo il 17/06/2011 02:45
    Carissima Lina siamo sulla stessa barca e stiamo remando, anzi arrancando. Le tue parole assomigliano alle mie. Veleno per nascondere le nostre delusioni ed anche i nostri rancori! Ma in fondo c'é sempre l'amore che preme!
  • Anonimo il 11/05/2011 18:48
    complimenti Lina forte... ma molto bella
  • Anonimo il 13/01/2011 17:08
    molto molto bella e auguri!!!!
  • calogero pettineo il 13/01/2011 11:49
    una riflessione che lascia il segno.
    brava.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0