accedi   |   crea nuovo account

L' etá cadente

Nulla scuoteva l'antiche membra
dalla quiete del tempo,
Il corpo stanco, come un fiore appassito
non reagiva agli scalpitii della mente.
Le passioni, le voglie
i ricordi di fuochi non ancora bagnati,
scorrono senza risposta
tra le mani stanche.
Le rughe si ergono
Tra le linee del viso
come schiaffi al sogno di eterno.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • giancarlo milone il 14/02/2011 01:22
    grazie mille!
  • Bruno Briasco il 11/02/2011 17:59
    Triste ma reale. Piaciuta
  • Anonimo il 12/01/2011 18:39
    Molto bella
    complimenti
    mi è piaciuta tanto
    Angelica