PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La vittoria della società

Sento freddo su di me.
La notte gelida scende
con la sua malinconia e mi avvolge nel suo mantello nero.

Piango.
Intrappolato in idee che non sono mie,
fuggo da quel nulla che mi circonda.

La strada si stende immensa, senza fine,
niente uscite o vie di fuga, solo correre
è l'unica salvezza.

Corri, corri! mi ripeto nella mente,
mentre cado senza emettere suono.

Solo, vuoto, esausto,
mi arrendo
avete vinto... ancora.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Andrea Merlini il 13/01/2011 10:44
    Grazie per il complimento.
    Condivido la tua idea: "l'importante è rimanere svegli" e aggiungo: "far sentire che in ogni caso noi ci siamo, sempre!"

    Ciao
  • rea pasquale il 13/01/2011 10:00
    nell'attuale cultura molto spesso si perde, ma si può anche vincere, l'importante è rimanere svegli.
    Bravo.
    Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0