PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Da Medjugorje cambiano gli umori

Vivo una dimensione mai sognata
tanto pesa da che é sopraggiunta:
che mai pensavo mi venisse data.
Vorrei da me fosse pure disgiunta;
in mente e corpo c'é rivoluzione
e per lo scoprirne l'irreale aggiunta
più non discerno tra male o passione
e ciò che in questi giorni é capitato:
ben rivela un'altra dimensione.
Se solo me l'avessi immaginato!
Lo sento ancora battere nel petto,
chissà se dal cielo é derivato:
il vento trasformante l'intelletto
col tremare e dissolvere dolori
che sento meritevoli d'affetto.
Da Medjugorje cambiano gli umori
e già nei pullman del Centro Maria
reclamano i miei sensi altri sapori,
guarito non mi hanno la malattia;
"ma se si trattasse di un tesoro
che cambiare potrebbe la mia via?".
Sono in crisi! Pare che m'innamoro;
e dal sentirmi così trasformare
sento che sol bene ora assaporo.
Mi abbandono a quel che mi può dare
e se ciò mi provenisse dal Vangelo:

altro più non farei che sol pregare.

 

l'autore Antonio Balia ha riportato queste note sull'opera

- Medjugorje, 29 agosto 2005

- È un percorso che inizia dal testo - Di ciò forse poco capirai -, e così a seguire... .


0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • tania rybak il 20/01/2011 17:46
    spero d'andarci anche io... emozionante

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0