accedi   |   crea nuovo account

Sarai Tu.. Signore

Cos'è Signore
il mio peccato
se non la
dimenticanza di me stesso.
Quel camminare
cieco
che mi impedisce
di vederTi.
Quel sentire
sordo
che mi nega
la Tua voce
e la mia arroganza
che mi chiude
al Tuo abbraccio.
Sarai Tu, Signore,
il muratore
che dovrà abbattere
il muro di ostinazione
che mi cinge
perché io
ho poca forza
ma so di avere
bisogno di Te.
Sarai Tu
il capitano
che lanciandomi
la scialuppa
mi salverai
da quel mare di
tormento
nel quale navigo
perché ho spento il faro.
Sarai ancora Tu,
guardiano del faro,
che riaccenderai
la fiamma della mia fede,
perché Tu, Signore,
ami ogni Tua creatura
e come
un ricercatore d'oro
sai distinguere
tra i sassi
ogni piccola pagliuzza
preziosa ai Tuoi occhi.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • marinella addis il 18/01/2011 09:48
    non scrivo mai ciò che non sento... e non è neanche un voler sbandierare la mia fede... solo una personalissima riflessione.. e preghiera.
    grazie a tutti.
  • ELISA DURANTE il 17/01/2011 19:02
    Molto bella e, mi auguro, sincera.
  • Antonio Balia il 15/01/2011 19:02
    La consapevolezza della fragilità umana che ci proietta verso la preghiera e lo stesso Dio. Grazie
  • Maurizio Cortese il 15/01/2011 10:25
    Meraviglioso incipit che incornicia una preghiera profonda e vera, perchè prima di tutto è Dio che va in cerca dell'uomo.
  • tania rybak il 15/01/2011 10:25
  • loretta margherita citarei il 15/01/2011 06:24
    bella
  • denny red. il 14/01/2011 20:30
    Bella.. Bella!! Mary, Brava!!
  • Francesca La Torre il 14/01/2011 18:59
    Bellissima, e' proprio cosi' che bisogna cerca Dio, sapendo che Lui ci ama! Piaciuta molto e ben scritta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0