accedi   |   crea nuovo account

Un pagliaccio triste che ride ancora

Nascosto laggiù nel silenzio
in lenti movimenti stanchi ed abituali
m'appresto col cuore in mano
nel mostrarmi allegro
al pubblico impaziente...
son tutti qui di fronte a me
sguardi curiosi ed inquisitori
i lupi governano
noi siamo le pecore
tutto imbrattato
col viso nascosto
divento un Pierrot
ridi pagliaccio
la vita è un gioco...
presto m'accorgo
d'uno scenario diverso
il pubblico è cambiato non è più lo stesso...
dov'è Sarah... Samuele o Abele...
la condanna continua... continua...
sette è diventato settantasette e poi
ancora... ancora... ancora
non finirà mai...
il numero aumenta
una famiglia si frantuma
un'altra ancora
nella pura follia
di quei gesti immondi
di diavoli terrestri
nascosti in mezzo a noi
camuffati imprevedibili
insospettabili...
tutti alla ricerca della notizia
megalomani dello scoop
curiose menti evanescenti
chi manca
non tornerà più...
ridi pagliaccio
la vita è un gioco
anche oggi
cuori straziati
"la piangeranno"...

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Alessandro Bellomarini il 29/01/2011 18:31
    Introspettiva e non solo: esprime in maniera semplice una metafora della vita reale. Complimenti!
  • ELISA DURANTE il 22/01/2011 08:59
    Tristissima e vera, denota grande sensibilità. La vita è un gran Circo con molte bestie feroci...
  • salvo ragonesi il 19/01/2011 18:38
    hai fatto centro e ti pare che potevi sbagliare bersaglio bravo piaciutissima ciaop salvo
  • denny red. il 16/01/2011 02:54
    Molto Bella!! Giuseppe,
    Ben Scritta!! Bravissimo!!!
  • loretta margherita citarei il 15/01/2011 16:53
    per quante volte bisogna perdonare, settantamila volte sette disse GESù, PROFONDA E BELLISSIMA POESIA, AMICO CARO
  • claudia pinheiro montenegro il 15/01/2011 13:09
    Ciao

    Um dia pensei ser um palhaço
    Pintava o rosto e no espelho olhava
    Mas vi que não queria máscaras
    E lavei o rosto e o mostrei sem nada
    Mas descobri que a Palavra não falha
    E no ferro a ferro que se amola
    Assim o homem
    Com o homem se amolda

    grande abraço
    Jesus te abençoe
    claudia
  • Ezio Grieco il 15/01/2011 11:57
    Bella giuseppe, piaciuta.
    cl
  • Giacomo Scimonelli il 15/01/2011 08:14
    forse è un gioco veramente... la vita... bella introspezione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0