accedi   |   crea nuovo account

Muto il mio sguardo

le donne a Poggetti che alla "fontina"
riempivano le brocche e le caricavano sulla testa
camminando poi svelte in equilibrio
più dura la salita sterrata che portava ai caseggiati
muto il mio sguardo di bimbo
nel verde e nel giallo estivo della campagna si aggirava
con mia madre vicino
altro ritmo dei giorni altro tempo rispetto ad oggi
di automobili e televisione infestato
io con il sorriso dell'innocenza allora
io canuto ed altro ora come fosse passato un'eternità
in un attimo racchiuso

scendevano le ore del giorno lentamente
al mutar dei colori dell'agosto come sospesi in cielo
fuori dal mondo degli altri nella campagna qui vicina
in una pace che aveva il riverbero dell'infinito
muto il mio sguardo di bimbo
la scoperta d'amore e d' incanto della natura circondato
io era quel che sono stato
lucente in altra epoca visionato
in un attimo racchiuso
nello spazio del tempo sperduto
muto il mio sguardo di adulto
nel chiaro e nell'azzurro dell'universo si aggira

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 27/04/2011 06:55
    quasi il tuo sguardo fosse estraneo... a ciò che ti circonda... noltalgia stati d'animo accompagnati da tristezza... ti capisco... bravo mi è piauto molto Piero
  • loretta margherita citarei il 16/01/2011 21:23
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0