PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il sentiero del tempo nel bosco

Cammino su di un sentiero sconosciuto
in mezzo al bosco.
Nessun pensiero l'animo mio confonde.
La ghiandaia,
nella frenesia dell'amore primaverile,
il suo nido sta a costruire
con ramoscelli sopra una grossa quercia
dall'aspetto secolare.
Sotto la risonanza dei miei passi stanchi
e del frinire delle cicale
il caldo par non finire.
La vegetazione fa frescura
e lenisce il soffrire che da l'arsura.
Il sentiero si stringe,
non si estingue.
Proseguo.
Osservo.
La natura si spoglia.
Le foglie
intorno alla madre si sono raccolte,
figlie nel gioco del girotondo della terra.
Il gioco della vita e della morte.
Un pettirosso saltella di ramo in ramo
con tutta la curiosità del suo esserino.
La fitta nebbia
che ai miei occhi la neve sta a creare
nel scender giù copiosa,
tutto ricopre.
Sparisce ogni cosa.
Il tacco affonda.
Un silenzio totale mi circonda.
S'arresta il mio camminare.
Il tempo scorre.
Un altro anno sta a finire

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Virginio Giovagnoli il 17/01/2011 08:56
    Chiedo scusa :La fitta nebbia- che ai miei occhi la neve(non la nebbia)sta a creare nel
    scender giù mcopiosa.
  • paola carovano il 17/01/2011 00:16
    bei versi molto suggestivi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0