PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Morso

Tossico
nelle mie cellule
quel pensiero eburneo
stregoneria
ingegnosa infiorescenza

Veleno tra le ginocchia
indifferente nube
arcaica polivalenza
benevolenza...

Le dominazioni sono montagne
che guardiamo
dall'alto
della testa
di uno spillo

Tossico
nel guado grembo
perduta l'anima
nello sgomento
e non oso più pensare
alla malinconia
che quella solitudine
schiaffeggiò
senza un lamento

Un morso solo
e ti saprò dire
che sapore può avere
un pezzo di
cuore

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • augusto villa il 19/01/2011 12:21
    Molto bella... Intensa... L'ultima strofa... MAMMAMIA...
    Bravissima, complimenti!!! ---------------------
  • laura cuppone il 18/01/2011 23:21
    grazie infinite...
    Grazia...

    hai un nome splendido..
    Laura
  • Grazia stomesti il 18/01/2011 23:15
    che bella l'ultima strofa!!
  • laura cuppone il 18/01/2011 16:34
    si offre un cuore
    quando
    si é mangiato quello
    dell'altro...



    grazie Danilo...

    Laura
  • Anonimo il 18/01/2011 16:31
    Accidenti... Che sensualità, e che persuasione! Viene voglia di offrirti un cuore, ma non saprei da che parte si scopra e si morda...
  • laura cuppone il 18/01/2011 11:25
    Monica...
    sono io che ti ringrazio per questa visita...
    graditissima!!!
    laura
  • laura cuppone il 18/01/2011 11:25
    grazie loretta...
    é un onore per me ciò che mi dici..
    non sono su facebook..
    ma questo pensiero é troppo gentile...
    grazie!!!
    Laura
  • Anonimo il 18/01/2011 09:45
    Un veleno che nn poteva essere meglio descritto. Grazie.

    Monica
  • loretta margherita citarei il 18/01/2011 08:08
    l'ho postata sul mio profilo di facebook, troppo significativa
  • loretta margherita citarei il 18/01/2011 08:07
    vorrei tanto mandarla ad una persona di mia conoscenza, questa tua splendida poesia
  • laura cuppone il 18/01/2011 07:53
    Il riferimento e' totalmente metaforico alla tossicità di un veleno o all'assuefazione di una droga... vorrei si comprendesse questa sconsiderata possibilità che il dominio possiede su un cuore che gli si affida... A volte pensiamo sia meraviglioso l'abbandono totale a qualcuno senza calcolo ne difese e così il torpore della sua "tossicità" ci impedisce di difenderci e doniamo quel cuore come cibo... sacrificale. Grazie G. Laura
  • Giovanni Bart il 18/01/2011 00:45
    Vedo lo stantuffo di una siringa, la violenza di uno strumento chirurgico. Immagini ebbre di conseguenze e di veleno. Immagini aspre. Dominare salva. Dominare illude.

    G.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0