accedi   |   crea nuovo account

Lager

Non conosco i volti
né i loro occhi.
Accovacciati
l'uno accanto all'altro
immagino
per sconfiggere il terrore
proteggersi le ferite
profonde
indelebili...
Corpi nudi
di sole ossa
su assi scricchiolanti
dormono.
Ora come allora
freddo
solo ghiaccio intorno
e l'eco continuo di quelle voci...
Quei bisbigli
gridati
urlati
in silenzio
... per non dimenticare...
(UMILMENTE scritta in occasione della giornata alla memoria)

 

2
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/03/2014 09:05
    Molto apprezzata... complimenti.

8 commenti:

  • antonio pascarella il 09/02/2011 15:34
  • raffaella amoruso il 28/01/2011 13:33
    mi commuovo ai vostri sentiti commenti... grazie, grazie di cuore!!
  • raffaella amoruso il 28/01/2011 13:33
    Mi commuovo ai vostri sentiti commenti... grazie, grazie di cuore!!!
  • Alessio Cosso il 28/01/2011 13:01
    ... descrizione fedele e dolorosa, e sapere che è anche vera, che persone hanno sofferto davvero quelloc he tu descrivi fa male; come fa male sapere che c'è ancora chi lo nega.
    Non dimenticare per non farlo accadere ancora.
  • alberto accorsi il 23/01/2011 23:01
    Sembra emergere dal nulla quell"l'eco continuo di quelle voci" e anche attraverso la tua umile scrittura giunge di nuovo a noi.
  • Aedo il 18/01/2011 00:05
    Non ci sono parole: bisogna solo e sempre ricordare, perché eccidi di quella portata non si verifichino più... ma purtroppo la storia ha spesso deluso questa speranza.
    Bella testimonianza poetica, Raffaella!
  • raffaella amoruso il 17/01/2011 23:05
    Grazie...
  • Giacomo Scimonelli il 17/01/2011 22:14
    NON DIMENTICARE E NEMMENO FAR DIMENTICARE... MA RICORDARE ANCHE AI GIOVANISSIMI DI OGGI A COSA PUO' PORTARE UN'IDEOLOGIA MALATA... BRAVISSIMA

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0