PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Giudizi affrettati

Dopo vari piani a piedi
decide per l'ascensore.
Con aria ansimante entra
che uno esce reggendosi lo stomaco
e con la faccia disgustata, corre fuori

il motivo gli è noto poi entrando:
quel puzzo nauseante nell'abitacolo.
S'intende che il tipo ha lasciato di sè un ricordo
e il giudizio è lampante:
il tipo corre per non sporcar le mutande!

Il fetore è tanto che quasi va di stomaco
e così a reggersi come il tipo prima
e il viso rosso dal disgusto
e il fiato trattenuto, pensa presto:
al prossimo, sbagliato o giusto
scappo, non resisto

prossimo piano:
sale la ragazza del secondo,
tanto bella
da ritirare sempre la pancia al suo passaggio
per pavoneggiarsi da gran fusto
ma lei entrando pensa con disgusto:
che orribile puzzo!

... e il giudizio affrettato rompe per sempre
quell'amore mai nato!

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • IIIo gem il 12/03/2011 16:16
    thx!
  • Francesca La Torre il 19/01/2011 22:11
    Molto, molto originale, mi ha fatto scaturire una bella risata. Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0