PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

11 settembre

Non esisterà mai perdono
per il male che hai inflitto al mondo,
il tuo mostruoso piano
frutto di un crudele studio perfetto.
Pensare che sei idolo per tanti
che hanno festeggiato per strada
quel giorno di lutto
per l'intera umanità.
Mi chiedo chi sia quel Dio
Ceco al punto da perdonarti.
Vorrei ti si rivoltasse contro
tutto quel dolore.
Impregnerei i tuoi occhi
dell'orrore di quegli occhi
che guardavano la morte.
Farei della tua vita
sofferenza senza speranza
come gli ultimi istanti
di chi chiedeva un aiuto
che non poteva arrivare.
Darei nuova vita alle fiamme
Per ardere in te
Sentirti implorare la morte
E negarti di morire.
Porre semplicemente fine
Alla tua malvagia vita
Sarebbe solo offesa
Di fronte a tanta ferita.
Sulla tua pelle
I segni di ogni colpa
Il male che ha provato
Ogni persona.
In quell'anima che non hai
L'angoscia delle famiglie,
Gli abbracci negati.
Sei stato capace
Di ammazzare anche
Chi è rimasto in vita.
Dovresti provare tanto male
Da non poterne contenere le lacrime,
Quelle versate da chi sperava
Di strappare vite alle macerie.
Incancellabile sarà il rancore
Il mondo non rimuoverà quell'orrore.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ELISA DURANTE il 27/05/2011 12:52
    Mettiamo anche questo orrore nella lista di quelli perpretati da una buffa creatura che si chiama "homo sapiens sapiens"...
  • roberto cavuoto il 20/01/2011 18:17
    Grazie
  • lina sirianni il 20/01/2011 09:46
    Tante anime restano ferite da un evento che non dimenticheremo mai!
    apprezzata