PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mamma

Mamma…fra le parole la più alta
ripetevi senza sosta nella sofferenza
di scuri giorni senza fine.
Da quella parola cui vita nasce
fa nascere smarrimento nei nostri cuori.
Immortale eri per noi
nostra casa, nostro rifugio.
D'amore mai parlammo
per testarda pudicizia
ma grande amore fu quando
la tua anima fra le nostre mani
che ti stringevano quasi a trattenerti,
si librò in alto leggera verso tua madre,
le tue sorelle e tuo marito in attesa.
Mamma... per sempre sarai.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • GiuseppeCristiano Merola il 03/07/2011 12:24
    ...
  • Daniela Treccani il 25/04/2009 02:57
    Bellissima e profonda, purtroppo spesso si dà per scontato o per per testarda pudicizia che l'abbraccio il ti voglio bene siano scontati. L'amore anche se non detto si sente proprio dal:la tua anima fra le nostre mani che ti stringevano quasi a trattenerti, si librò in alto leggera. L'amore si sente vivo in questo, con coraggio accompagnare chi si ama nel suo ultimo viaggio
  • Maurizio Gagliotti il 25/11/2007 09:28
    Vorrei averla saputa scrivere io. Maledetta pudicizia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0