accedi   |   crea nuovo account

La Nostra Identità

Nel volo come un tuo braccio di rapace
mi abbandono respirando la nostra pace
soggiogando affogo nella tua calda brace
mi piace.. mi piace...

Come la mia mano scende bene, scende piano
Tu mi provochi armonia
Tu mi dedichi pazzia di amore
di me e di te

Sono il poeta errante
che nulla sa di me
sono il poeta viandante
che sbaglia perpetua, perpetuamente
nell'incognita andatura
sono viaggiatore errante
della tua alta, immensa
ed ineguagliabile fattura

Bellezza che innalzi, le mie rime bianco-spine
incalzi come pesce di un fiume sull'amo
nell'amaca io che
nulla so di me
provavo pietà e ora mi amo di più

Principessa stai,
ai giorni e i ritmi miei
al tempo che veloce corre con densità
nella fretta di chissà
quale senso mi governo
prigioniero volontario del nostro magico assenzio

Annienta ciò che nulla sa di noi
Mistero fatato essenziale come noi

Tutto il resto più non c'è
tutto il resto senza te
tutto il resto nulla è senza di te
senza di me.. ora l'ho capito

Io impavido lume di luce che
abbaglia le tue gioie maestrali
carne di carne di altra pelle
disegnata come Dea
chi ti ha fatto era pittore di Dio

non trovo difetto nel corpo tuo
nel tuo animo solo amore
del nostro colmo ripieno sbocciato fiore

che sa di me
che sa di te
che sa di Noi

Profuma di essenza così viscerale, così carnale
profuma l'essenza porpora che fa vivere da vita e fa amare
nei nostri sommi peccati veniali

eccomi come fugace zingaro fuggente come i nostri baci
dolci, caldi pieni del nostro amore innocente

eccomi, trovando la nostra Identità, peculiarità
anime gemelle come unicità, sensualità
amorevole passione che scorre
e sgorga dalle labbra tue alle labbra mie
la nostra identità .. sorge

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 22/01/2011 11:06
    Una tempesta di tenerezze che risuonano a perdita d'occhio, uno scampanio senza barriere, versi che non mercanteggiano i sentimenti, ma concedono e restituiscono a volontà; un inno col marchio di quella immediatezza che la poesia esige.
  • ELISA DURANTE il 21/01/2011 18:51
    Una dedica d'amore in completo abbandono, senza nemmeno l'ombra di un timore, "mistero fatato"... Splendida davvero. Complimenti e auguri di tutto cuore 1

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0