PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Infedele

Tu,
uomo di poca fede,
peccati a manca
e a dritta,
senza pudore
semini,
come il buon contadino
il grano;
a differenza,
che lui
i frutti sudati
raccoglie
e la sua famiglia sfama,
pur nel suo minimo
necessario,
e su di lui
lo Spirito Santo
la sua mano
porge,
coadiuvato dal Figlio
e dal Celeste Padre;
mentre tu,
che di Euro
ne hai tanto,
senti il fuoco
che ti assale
a poco a poco,
ed è
solo l'inizio
del tuo Inferno
senza fine.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Sonia Arconato il 31/01/2011 16:56
    la salvezza bisogna guadagnarsela, in un mondo così corrotto poi!
    belle parole
  • Anonimo il 21/01/2011 17:36
    ci dev'essere stato un errore: ho messo 5 stelline ma me le calcola come 2, 5... be', comunque sono cinque!
  • Anonimo il 21/01/2011 17:34
    caro giacomo, magari fosse come dici tu! Il buon barbuto perdona, sì, ma non può salvare chi, con la sua negligenza, chiede l'inferno... Sarebbe troppo facile, sennò.
  • Giacomo Scimonelli il 21/01/2011 16:57
    però caro amico mio Dio poi perdona tutti... questo è ciò che Gesù Cristo ha detto.. quindi anche questi avidi e crudeli personaggi alla fine verranno perdonati... quindi è qui in terra che devono pagare le loro colpe... versi molto apprezzati...
  • Vincenzo Capitanucci il 21/01/2011 14:54
    La mano di Dio.. si posa sugli umili.. e sui frutti sudati con la fede...

    Molto bella Don..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0