accedi   |   crea nuovo account

La ragazza dallo scialle

L'ameno ricordo
Di un ormai canuto vecchio
Quando il filo
Serrava ogni dove...
Col capo chino
La giovane donna
Rammenta
Dallo scialletto color porpora.
Sospirava ella
E di tanto in tanto
Tremando
Sorrideva
Mesta.
Vorace d'affetto
Di mani
Che a tratti
Poteva sfiorare.
Ed era la gioia
La forza
La speranza.
Il cuore suo puro
Non sapeva l'amore
Ma gli occhi di lei
Scioglievano il gelo...
Come un musicante a teatro
Sentiva il suono
Di mille violini
Di voci d'angelo
Di primavera...
L'eco del kapò
Così distante...
Che per un attimo
Un attimo soltanto
Parea vita...

 

3
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • alberto accorsi il 22/01/2011 22:06
    Finalmente una poesia che sa evocare molto bene, nell'angoscia infinita di cui erano vittime i condannati, l'emergere a tratti d'un filo di speranza. Bellissima
  • federico marino il 22/01/2011 09:16
    l'amore la malinconia di ogni vita
  • raffaella amoruso il 21/01/2011 21:34
  • Giacomo Scimonelli il 21/01/2011 16:17
    Il cuor suo puro
    non sapeva l'amore
    ma gli occhi di lei
    scioglievano il gelo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0