PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fusione

Nubi grigie presaghe di pioggia
e grondanti
al concretizzare di tale lungimiranza.
La casa, patina storica
ch' occulta questi virili delicati baci
come sempre, nonostante umida, ci accalora.
Un gioco ne scatena altri ben più amorosi
ma improvvisamente
il tuo volto scolora
diventa di grido in grido
diafano traslucido trasparente:
sfumando si è, il mio Amore,
dileguato.
Eppur le mie labbra socchiuse
sorseggiano ancora i suoi gorgheggi...
Paura:
restare in dolce giaciglio
e trovare orme di corpi assenti.
Paura:
cavalcare mire di favole
ma lasciarle evaporare al vento.
Paura:
Non riconoscere neanche il mio volto
ora che mi specchio.
Paura tenera:
La tua ombra, la tua forma svanite
La mia ombra, la mia forma svanite
perché fuse
in un solo corpo che ora parla.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 02/05/2011 20:56
    Molto bella
  • Matteo Contrini il 22/04/2011 14:47
    Grazie per il commento! Sinceramente non conoscevo "dolcenera" di De Andrè, vado subito ad ascoltarmela! Il verso che mi hai citato è bellissimo.
    Per quanto riguarda le E, purtroppo son gusti personali =). Spesso mi piace troncare le parole per dare o meggior ritmo ad un verso, oppure dare infondere incisività a quella parola (ovviamente è una sensazione che io provo, relativa, che può non piacere a tutti ^^). Comunque ti ringrazio anche dell'osservazione, perché mi interessa ogni tipo di commento, lo trovo stimolante =-)
  • rosanna erre il 20/04/2011 01:25
    bella davvero...

    questa mi richiama alla mente sia un vasco d'epoca:
    "le anime calde si fusero insieme sospese in mezzo alla stanza
    ...
    guarda che puoi restare qui, qui, fino a quando vuoi...
    lei non rispose, uscì dal letto e poi, potrei giurarlo... volò via"

    sia "dolcenera" di de andrè, non so se la conosci...
    soprattutto la parte finale mi fa venire in mente "come fa questo amore che dall'ansia di perdersi ha avuto in un giorno la certezza di aversi"

    non mi piacciono solamente quel "ch'occulta" e "eppur", io ripristinerei le E, ma si tratta gusto personale
    comunque... complimenti matteo!
    rosanna

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0