PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rotazione

Una stanchezza cosmica.
Un ritmo veloce, incessante e ostinato.
Arcobaleni troppo grigi.
Voglie soffocate, sempre troppo presenti, sempre troppo presenti.

Un direttore illogico e brevi crescendo
Un palcoscenico per un' orchestra banale e opaca.
Una teatro ruvido e sfuocato
Paganti distratti, sempre troppo presenti.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • MATTEO SIDERI il 01/10/2011 02:43
    grazie chiara. davvero. apprezzo come tu possa ritrovare del vero in cio' che ho scritto. poca curiosita' e' cio' che contraddistingue molto e molti intorno a me... a presto
  • Chiara Marenghi il 01/10/2011 00:21
    Paganti distratti, sempre troppo presenti... quadro veritiero di quello che c'è intorno. bella poesia
  • MATTEO SIDERI il 26/01/2011 05:35
    grazie davvero. ci sono momenti in cui tutto e' un peso e solo il ricordo della gioia. in quei momenti ho davvero poche forze per sorridere. poi e' vero anche che il mattino ha l'oro in bocca e che ogni giorno sento il sole splendere su di me nonostante fuori sia piovoso, ma nn riesco a essere costante nel sorridere. o prendere le cose alla leggera. cmq grazie ancora, mi son sentito capito =) =) =)
  • Giacomo Scimonelli il 25/01/2011 09:46
    bei versi.. una stanchezza cosmica... la vita che scorre troppo velocemente e non si ferma... i colori grigi dell'arcobaleno...
    bella visione... anche se pessimistica... della vita
    la tua visione della vita spero che un giorno cambierà... ma la penso come te...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0