PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mamma

S'arza presto, e 'gni matina
Je comincia 'na giornatina
Da mannà a li matti i preti
E nvece è lei che ce tiene tutti cheti

Ce prepara er caffellatte,
le ciambelle l'ha già fatte,
poi ce chiama co l'amore
e un pensiero pe 'r Signore

Ciaccudisce lo zinale
Ciaccompagna fino 'n classe.
Fa la spesa, lava, stira,
rifà i letti in tutta fretta e
se riposa a malapena
pe' pensà poi a pranzo e cena

ce ripija quanno è l'ora
cor soriso d'ogni istante
su le pieghe de la bocca...
come Lei ce ne so tante
ma la mia... guai a chi la tocca.

E la sera, poveraccia,
stanca, spenta, rossa in faccia
se ne va, ormai spossata,
a riposasse già sapenno
che domani je toccherà
'n' artra simile giornata.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 29/08/2011 21:19
    bella sta poesie me apre er core... bella dedica a tua madre caro mario bravo...
  • Bianca Moretti il 20/07/2011 09:20
    Core de mamma! Sono tutte belle le mamme del mondo, ma la propria... lo è un po' di più. Solo loro ti conoscono fino in fondo, bravissime ad interpretare ogni cruccio o desiderio del tuo cuore e disposte a tutto pur di vederci felici... Quante volte via Sannio è stata meta, insieme a Porta Portese delle mie domeniche vagabonde. Il romanesco aggiunge un tocco di genuinità alla poesia e rende ancor meglio il senso del tuo amore filiale
  • mario rossi il 02/05/2011 22:36
    non so se prenderlo come un complimento!! ... la verità è che sono cresciuto in "via Sannio". È lì che ho imparato il "Romano" ...
  • Barbara Scarinci il 02/05/2011 22:21
    Letta con piacere! La mamma è sempre la mamma
    Per quanto riguarda lo stile dialettale sicuramente migliore del mio!! Complimenti per la tua bella poesia
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/02/2011 18:05
    Quando una poesia parla della mamma tutto appare cosi luminoso e vigoroso da attrarre e commuovere inevitabilmente il lettore. Il vernacolo poi, fa respirare un'aria di magica spontaneità, perché di fronte alla forza dell'affetto e della riconoscenza verso l'immortalità della figura materna, spicca la marmorea eleganza dello stile e l'anima ardente di sconfinato amore di chi scrive
  • mario rossi il 25/01/2011 17:51
    Si Nicola, ora che comincia a mostrare tutta la sua età mi sento ogni giorno più "figlio" suo, e con orgoglio...
  • Anonimo il 25/01/2011 16:45
    La figura tradizionale della mamma tocca sempre i cuori di chi ha avuto una custode simile. Finché rimane scelta tutto bene... Traspare la fierezza di un figlio soddisfatto della propria mamma. Letta con piacere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0