PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Invocazione e persistenza

Questo romano
aitante e fiero
sta perdendo
l'estro
e il suo destriero.
Ma per quei pochi amici,
che ancora
l'accompagnano
lungo
i tortuosi sentieri
delle Patrie lettere,
ancora le redini
mantiene
ed invoca
Calliope
a stargli
accanto.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • ELISA DURANTE il 25/01/2011 20:02
    Corsi e ricorsi, queste tue sgridate... Non le meritiamo...
  • Antonio Pani il 25/01/2011 18:52
    Mi piace, profuma di vigore e perseveranza, unita alla percezione di un malinconico senso di abbandono. Immagini ricche ed evocative. Io l'ho sentita così. A rileggersi, ciao.
  • Anonimo il 25/01/2011 17:48
    molto bella... bravo...
  • Anonimo il 25/01/2011 16:41
    La tua bravura non conosce flessioni. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0