accedi   |   crea nuovo account

Cos'è

Mi avvinghio tra le tue braccia,
un guscio d'uovo che accoglie un pulcino,
mi sento protetta e amata
ma quel brivido nel cuore mi lacera la mente.
Sei l'ultimo strato della mia pelle,
quel sospiro che si ferma a metà
tra la gioia e il dolore
senza mai sfociare in libertà,
sono io la mia prigione
nell'inganno dell'amore che non so tradire,
ma spesso lui pugnale me.
Mi legano gli affanni con una corda d'oro
avvolta in una strana luce d'amianto,
mi culla bruciandomi le retine
sfocando la vera realtà.
Sono libertà, istinto puro,
vibrazione continua
in una civiltà di emozioni moderne
che fanno del mio sentire frammenti
di cuore e anima,
lasciandomi all'oscuro,
"satolla solo dei miei antichi respiri."

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 02/02/2011 18:14
    Poesia dolce e ben scritta, da far riflettere. Bravissima!
  • Dolce Sorriso il 01/02/2011 17:12
    grazie ragazzi... Giuseppe, Ezio vedo che siete entrati nel giusto contesto...
    grazie infinite
  • loretta margherita citarei il 26/01/2011 21:56
    dolcissimo il tuo cuore, apprezzatissima
  • laura marchetti il 26/01/2011 20:56
    STUPENDA!!
  • Giacomo Scimonelli il 26/01/2011 16:58
    versi dolci... anzi dolcissimi
  • coccinella settantotto il 26/01/2011 16:45
    Mi avvinghio tra le tue braccia,
    un guscio d'uovo che accoglie un pulcino,
    mi sento protetta e amata
    ma quel brivido nel cuore mi lacera la mente... dolcissimi versi...
  • Falco libero il 26/01/2011 15:08
    Molto intensa molto viva e molto bella.
    Brava Dolce
    Falco
  • Ezio Grieco il 26/01/2011 12:00
    ..è vero. Denota la lotta intestina tra la Donna fedele ai canoni della comune morale(vivere l'amore, cogliendo i momenti,, anche intensi, che l'amato riesce a dare nella quotidianità e la "femmina" desiderosa di vivere l'amore istintivo, quello che proietta anima e corpo nell'inferno/paradiso nel sentirsi e comportarsi da tale.
    cl
  • Giuseppe Amato il 26/01/2011 11:13
    Questa poesia è come una medaglia: ha due facce con due effigi completamente diverse che traggono forza opponendosi. Ci sento un andamento ondivago nel quale non si è deciso da che parte stare e si finisce per subire degli affronti sopportati con un masochismo psicologico che nasce solo dal bisogno d'amore. Se non ho capito nulla comunicamelo allegramente!!!!
  • Sergio Fravolini il 26/01/2011 10:09
    Sono parole molto dolci e belle da leggere.

    Sergio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0