accedi   |   crea nuovo account

L'amica melanconia

la melanconia disse a un omo triste:
- quanno pensi ar passato e a cio che fù,
le sconfitte, l'amori, le conquiste
l'erori e li dolori, eppoi de più
io sò lì e t'accompagno indove er vero
dar bianco ch'era un dì mò se fa nero
e te sòno na musica che veste
li penzieri in querchè de bello e strano
fà confonne li pianti co le feste...
tu m'ascorti e continui a restà sano...-

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • mauri huis il 24/02/2012 14:28
    Un concettone mica da ridere da mettere in versi, questo. Complicato anche da capire, figuriamoci a spiegarlo. Ci sei comunque riuscito, almeno con me!
  • ELISA DURANTE il 02/02/2011 10:32
    È vero, essere consapevoli dei propri pensieri neri, malinconici, fa un po' male ma l'importante è non farsene sommergere, pena la follia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0