PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il gesto

Quanto era dolce
il gesto e l'odore familiare,
a cui solo più
tardi,
seppi offrire
il ricambiato amore.

Lievità che si sparge
intorno al semplice modo,
pensato, per allietare
chi di fisico sofferse,
chi di mente fu indebolito,
chi di pensiero stremato.

Chi si poneva sopra
mal stabili pietre,
ostentando
virtù d'intelletto e declamando profondi sentimenti,
solo,
ora,
meditando,
riesce a intuirne l'assurda povertà,
e non ricchezza.

Tu, taciturna presenza,
che non mai chiede,
se non di poter rimanere accanto,
tu, sola,
sarai per me
ancora,
unica aria, respirabile,
nel momento di svilimento.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • andrea macario il 18/04/2011 11:58
    ke dire! bella sarebbe sminuirla!!
  • Anonimo il 03/03/2011 14:24
    Sembra una poesia d'altri tempi, molto delicata! Brava Lilibeth (bel nome)!
  • Anonimo il 22/02/2011 12:25
    Bellissima, Grazie mille!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0