PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La giustizzia ne l'agguato de mala

l'omo che stà a core sotto la pioggia
sembra èsse solo ne la via deserta
drento quer gran ber vestito che sfoggia
porta l'ansia e se vede che stà all'erta

senza fiato sur muro mò s'appoggia..
ma ecco che uno de cui la cosa certa
è che nun pare avecce l'aria moggia
lo raggiunge e lo punta co na berta..

du spari e quer killer s'è dileguato.
S'avvicina un randagio che affamato
vede er sangue che score come lava

riconosce quer morto ma nun bada
a chi l'abbandonò su pe na strada
e penza ".. aho, du piccioni co na fava!"..

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • karen tognini il 06/02/2011 12:55
    è molto bella... il dialetto romanesco non lo conosco ma si capisce assai bene...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0