accedi   |   crea nuovo account

Perdere un figlio

Respiro il silenzio.
Com'è consistente, adesso.
Ha peso e forma
colore e sapore.

Lo vedo seguirmi
ad ogni mio passo,
lo sguardo assente e colpevole.
Accanto a lui
una sagoma scura,
inutile come un'ombra.
L'ombra di me stessa.

È in questa apatia
che affondo,
nei mari neri dell'assenza,
in foto rubate,
in scampoli di gioia ignoti,
in notti chiare
che feriscono gli occhi.

Rammento il cammino atroce
della Tua malattia,
io incredula e sospesa
tra pianto di terrore e riso folle,
tra credere per sempre
e strapparmi la fede di dosso.

E quella speranza-bambina
tenuta per mano
quasi di nascosto,
perché non fuggisse via.

Vorrei parlare di Te
con me stessa e con il resto del mondo
e farti domande stupide
per conoscerti di nuovo
come se Tu fossi
il fiore raro che si arrampica
senza far rumore
sui rami del mio futuro.

E invece siedo
ai margini di una Vita
che adesso guardo da lontano
senza intravvederne
inizio o fine,
salita o discesa.

Ti ho visto lasciarmi

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • paolo rizzotto il 12/12/2014 15:48
    La vita da', la vita toglie. Ma quando perdi un figlio sei solo spettatore di una vita che non ti appartiene piu'

11 commenti:

  • laura marchetti il 20/09/2012 07:47
    meravigliosa...
    non ho parole
  • Teresa Tripodi il 11/05/2011 18:19
    ogni parola sarebbe di troppo... sono lacrime le mie... ciao
  • laura marchetti il 29/04/2011 13:17
    dire MERAVIGLIOSA mi sembra riduttivo
  • Giosuè Corriere il 29/04/2011 13:15
    Leggerla tutta crea un groppo in gola, si sente che è vera, sentita e struggente. Complimenti.
  • niche chessa il 23/04/2011 09:51
    Per me è molto bella. Hai saputo stemperare in una bella poesia un fatto così crudele, che altrimenti è difficilissimo esprimere. Ma il groppo in gola c'è lo stesso. Brava.
  • Ugo Mastrogiovanni il 19/02/2011 10:22
    Un esempio di poesia che va letta gustando una sottile graduazione del fervore estetico dominate e partecipando sinceramente al dispiacere e alla mestizia dell'argomento.
  • Rik Forsenna il 30/01/2011 21:30
    È molto bella complimenti... ricca di dolcezza, profondità, Amore... 1abbraccio forte!
  • loretta margherita citarei il 29/01/2011 21:20
  • denny red. il 29/01/2011 20:04
  • Maria Rosa Cugudda il 29/01/2011 19:46
    triste, bellissima perchè invita alla condivisione del dolore, molto apprezzata!
  • Maurizio Cortese il 29/01/2011 17:51
    Da restare senza parole, tanto è incalzante il ritmo di immagini che si imprimono nella mente ad esprimere tanto dolore: pura poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0