username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Faccia Della Finestra

Là fuori le mitiche piogge
ci permettono di sapere che siamo insani.
Col nostro sangue,
debiti devono ancora essere liquidati,
e noi ingenui,
celebriamo l'estraneo.
Dentro il nostro dolore
le mitiche piogge giocano
e con lo stesso sangue
gli stessi debiti sono richiesti
ancora una volta.
Attento alle risposte di cui non hai paura,
possono portarti molto lontano.
Dunque:
dimmi, chi sei tu,
per venire qui a spaventarmi.
Dimmi, che cosa desideri.
Dimmi, che cosa vuoi.
Io vado a proteggerti e
tu vieni a farmi male,
e se entrambi non sopravviviamo
all'alba,
noi desideriamo vedere il giorno,
morire per tornare un'unica volta.
E la faccia della finestra
non è più la stessa.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Emanuela Lazzaro il 01/06/2007 23:56
    Guardare la faccia che appare alla finestra non è facile, vero? è il passato che ritorna ed il presente che si teme e che non si può lasciare scorrere senza provare ad attraversarlo. Carina it's ok!
  • Luca Vincenzo Simbari il 11/05/2007 16:45
    Simpatica.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0