PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Regalami un destino

Regalami un destino
Posso volare nel tuo respiro
Tornando all'origine.
La morte è analisi
Una fonte logica di specchi
Visione e metastasi
Un silenzio di rumore
Se mi guardi dentro
Con tutto il tuo amore.
È finito questo piovere
Lieve vampa d'arcobaleno
Ed in palpiti di anima
Di colpo è più sereno.
Chiudo gli occhi, è neve
Chiudo gli occhi, è pianto
Rimasugli di disincanto
Nell'incanto delle sere
In cui sfioriva la luna
E non conoscevi dolcezza
Né moto di ribellione
Quando stringendomi la mano
Tu non sentivi niente
E io ancora un'emozione.
Il dolore è segretezza
Continuare ad essere
Con perpetua fermezza
Deflorare con gelo arcano
Le luci d'un riflesso
Contare l'ora nelle ombre
Assorbendone l'amplesso.
E ti lascio vivere
Come se non lo avessi fatto
Perché ora ti detesto
Perché mi stai lasciando
E non c'è calore che regga
A fughe incondizionate;
Non c'è chiarore che tenga
A notti smisurate...
Ora che te ne stai andando.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • giuliano sepperelli il 23/06/2011 17:22
    Da rileggere più volte per cercare di capire, però indiscutibilmente molto bella.
  • Anonimo il 01/02/2011 09:31
    Bella anche questa, prolissa... forse... per me... ma bella... bravo, bravo bravo..ciao
  • Anonimo il 30/01/2011 19:43
    Una splendida lirica piena di immagini e tinte suggestive che trascinano verso dopo verso fino alla fine. Bravo e complimenti
  • Alessandro Bellomarini il 30/01/2011 18:55
    Ti ringrazio molto Laura, un abbraccio
  • laura marchetti il 30/01/2011 18:01
    ... me ne vado ma non prima di dirti BRAVISSIMO!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0