accedi   |   crea nuovo account

Inquieto

Vago come belva affamata,
bramoso di vita,
strappandola come carne dalle ossa!
Mai sazio.

Certi giorni la vita appare
un bicchiere da colmare,
e ci potresti versare il mare
ma non sarebbe mai nemmeno
mezzo pieno.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • vincent corbo il 31/01/2011 17:16
    Pardon per il congiuntivo... mostri anzichè mostra.
  • vincent corbo il 31/01/2011 17:15
    Mi piace molto, come sottolinea Alessandro, il fatto che la poesia mostra due stati d'animo diversi.
  • Luigi Zaninoni il 30/01/2011 19:01
    Grazie Lucia e Gianny, Forse nella ricerca di pienezza, insomma nel non essere mai sazi stà proprio il motore che in qualche modo ci muove...
  • Alessandro Bellomarini il 30/01/2011 18:57
    Le due strofe sono molto diverse una dell'altra: Nelle prima grande passione e grinta, dei versi espressi con violenza praticamente. Nella seconda strofa c'è estrema pacatezza ma sento anche frustrazione... non male, veramente. CIAO
  • lucia pulpo il 30/01/2011 18:53
    La vita straziata non è vita. Forse per questo il bicchiere è sempre e solo mezzo pieno.. non ci avevo riflettuto, grazie, grande! Almeno adesso so perchè mi sembra che mi manchi sempre un dito per sentirmi sazia fino all'orlo!
  • Anonimo il 30/01/2011 18:19
    Rende voraci... scusami ma le lettere a volte non vengono come dovrebbero. Ciao
  • Anonimo il 30/01/2011 18:18
    L'inquietudine rende vorai di tutto e di niente... m non ha appagamento perchè l'inconscio si aggrappa proprio al problema irrisolto per dare disagio. Molto piaciuta
  • Luigi Zaninoni il 30/01/2011 17:55
    grazie laura, troppo gentile
  • laura marchetti il 30/01/2011 17:50
    forte!! rende l'idea dell'inquietudine

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0