accedi   |   crea nuovo account

Il rumore della polvere

Non c'è che il rumore della polvere
in questa strada bianca
decorata da croci accecate
da polline astratto, rosso scarlatto.
Poco il sole che si concede
agli occhi danzanti del destino.
È l'azzurro a storcere le labbra
e a stringere a sé il vuoto.
Questa terra porta l'amaro
di docili fiati d'ebrei che si svuotano
tra capricci d'arie spinate,
questa terra somiglia
alle vene di un tramonto
costretto a brindare col male
e a tingersi il volto di nebbia.
Rastrellano carni e ghiaie
i gas alle baracche,
numeri in stoffe zebrate
si abituano in fretta
a profili di lager.
Salive adulte e bambine
inciampano rapide in uno sparo.
Non c'è più tempo per esistere.
Nudi orrori dormono in fila
accanto alla neve.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • olga il 25/01/2015 20:03
    Brava Michela, mi è piaciuta molto questa poesia!
  • Maurizio Molinaro il 06/08/2014 10:36
    leggerla conduce a ricordi orrendi di una storia che non doveva accadere. Tu l'hai saputa descrivere in modo intenso e significativo. Molto belli i passaggi del brindisi ed i nudi orrori.
  • silvana capelli il 24/01/2012 23:44
    stringe il cuore nel leggerla, ma è vera... brava,
    un caro saluto
  • Rossana Russo il 03/01/2012 16:20
    Triste, maliconica ma belissima.. complimenti vivissimi
  • Dora Forino il 09/05/2011 18:18
    Nel giorno della memoria, per non dimenticare, hai creato dei versi molto intensi " questa terra somiglia
    alle vene di un tramonto
    costretto a brindare col male
    e a tingersi il volto di nebbia.
    Ciao!
    Dora
  • vincenzo rubino il 07/04/2011 18:28
    uno stile che apprezzo molto e un contenuto veramente significativo.. a "rileggerti" presto ciao.
  • Sergio Fravolini il 31/01/2011 10:26
    Mi piace molto soprattutto il titolo.

    Sergio
  • Alessandro Bellomarini il 31/01/2011 09:12
    Qui non c'è un solo un passaggio buono, ma proprio tutta la poesia che esprime con parole perfette la shoah... opera di assoluta intensità e violenza emotiva. La leggo e la rileggo e mi convinco sempre di più di aver letto qualcosa di assoluta qualità. Brava Michela
  • nik montana il 30/01/2011 22:08
    bravissima... quel brindisi col male... grande passaggio... ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0