PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I mille

Un uomo,
che dal suo modo
di vestire,
più un messicano
che un italiano
ricordava;
con barba dorata,
chioma increspata
ed un berretto
indefinibile,
con la sua alta eloquenza,
per lo più
ad esperienze rivoluzionarie
in terra altrui
avuta,
mille uomini,
molti di loro analfabeti
e buona gente,
radunar seppe
e alla vittoria
condurre,
per emblema
camice e fazzoletti rossi
avendo.
Ma chi
di questi mille
l'identità
conosce?
E chi
Garibaldi e Bixio
non conosce?
Facile dilemma
per quei poveri mille
morti per niente.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Rocco Burtone il 02/02/2011 18:53
    Il plurale di camicia è camicie... Poesia enfatica... Versi ingenui.
  • Vincenzo Capitanucci il 02/02/2011 14:52
    Anche Giuseppe... mandato in esilio a Caprera... avrà detto.. forse sono morti per niente... mentre Bixio si lavava le mani nel sangue...

    Bellissima Don... leggevo Verga... eppure la gente del sud.. ci aveva creduto...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0