accedi   |   crea nuovo account

La sarta

Una volta,
quella solita volta,
c'era
anche una donna,
di energia
tanta ne aveva
da tutte le parti
spruzzar doveva;
un pezzo di gabardine
come convenir
tagliato era,
e poi i pezzi,
di codesta stoffa,
con l'imbastitura
insieme
messi furono;
alla definitiva cucitura,
con una macchina per cucire
a pedali,
la prova s'aspettava,
e l'unica
essere
si sperava.
E quando al fin,
dopo le piccole ore
della notte
fatto aver,
il tailleur
completato fu,
non altro s'aspettava
delle ultime rifiniture
fare,
e le imbastiture
ed ultimi fili superflui
estraniare;
e come ultimo tocco
della gran maestra
un colpo
di ferro da stiro
dare.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • claudia pinheiro montenegro il 02/02/2011 22:10
    Ciao Don,

    obrigada por tua amizade
    Jesus te abençoe,
    grande abraço
    claudia
  • Giacomo Scimonelli il 02/02/2011 20:42
    bravo Don hai fatto bene a restare... piaciutissima
  • Maria Rosa Cugudda il 02/02/2011 16:50
    originale, curata e colma d'amore per la genuinità! molto apprezzata. Anch'io sono una sarta, ma il tempo mi manca!
  • Vincenzo Capitanucci il 02/02/2011 14:57
    e nell'alba.. stirando le ultime pieghe... del Suo lavoro.. ricuci tutto in fili di luce..

    Molto bella bravo.. Don... la sarta.. il calzolaio... essere vicini a umili indispensabili lavori.. rende l'animo grande.. ORI..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0