accedi   |   crea nuovo account

Praeceptum - Precetto

Obsequor profe,
quod omne tu facies;
virga toccantur,
sed modo praecipue,
animus, dicet:
corriges hodie institutionis, sed
cum te corriges, adectu mei corde.


Ti ossequio, professore,
per tutto quello che fai;
con la verga ci tocchi,
ma, principalmente,
il tuo animo dice:
ti correggo, affinché tu
onori le Istituzioni,
ma, mentre ti correggo,
ti stringo al mio cuore.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 17/05/2011 10:48
    bellissima... mi ricorda vagamente "attimo fuggente"... capitano... mio capitano complimenti
  • Anonimo il 06/02/2011 15:40
    Se i miei allievi avessero scritto per me queste belle parole mi sarei sciolto come il burro.
    Invece loro erano rozzi, terra terra, prosaici. mi dicevano: grande, ruspa, fico... e mi trattavano come uno di loro. Bello, però la poesia prende di più... brava. ciaociao.
  • Maria Rosa Cugudda il 03/02/2011 09:57
    particolarmente apprezzata, per la versione in lingua latina e per la tematica!
    molto brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0