username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Vino divino

Sole
mai in declino

alle Tue care fonti
m'abbandono

alla mia vita
darai sempre
un tetto di nutrimento
divino

nel dono dei Tuoi occhi
hai intravisto
scorrere la mia notte

Poeta

ci siamo seduti
nudi di desideri
danzando
sui raggi di un albero

dai ceppi viventi

non cessino
mai di esistere
nel Tuo cuore

le gemme dei nostri teneri respiri

rabbrividendo
condividiamo
nubi
zampilli
scoperte di cielo

immensità gradevoli d' albe crescenti

il Tuo corpo si spoglia nel mio

vola

in giorni accesi
da notti
inebriate

dalla soave ebbrezza di un dolce unico aroma colmo di penetrante nudità e di consapevole vino

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 04/02/2011 18:26
    Una poesia che porta una firma ormai saputa. Bravo davvero!
  • Salvatore Ferranti il 04/02/2011 12:47
    sempre bravissimo...
    grande vincent
  • Anonimo il 04/02/2011 11:25
    Ogni volta, caro Vincenzo, che leggo tra le tue "pagine" tali ed analoghi versi - in qualsiasi stato d'animo mi trovi - sorseggio sempre quella Gaia inconfondibile tua Scienza che mi invita dolcemente a ri-prendere le mie Opere con rinnovato vigore e con più raffinata intuizione. La inserisco tra i miei preferiti. Alla prossima
  • Ezio Grieco il 04/02/2011 00:33
    ... mi unisco al coro, ribadendo però, per l'ennesima volta... NON MI PIACE COME POSTI; l'ultima strofa, per esempio, BELLISSIMA, perde valore e bellezza perchè scritta per esteso.
    Comunque: PIACIUTISSIMA!!!!!!
    cl
  • loretta margherita citarei il 03/02/2011 20:44
    bella cap
  • Anonimo il 03/02/2011 19:57
    Una gran poesia, Vincenzo. Sei un grande... seguirò il tuo consiglio di... abbandonarmi alla soave ebbrezza di un dolce unico aroma colmo di penetrante nudità e di consapevole vino... specialmente quando vedo le partite della nostra povera Signora... ciaociao, sei unico.
  • Anonimo il 03/02/2011 19:22
    più che poesia libera direi che i tuoi versi rapiscono... e ti inchiodano nel pensiero... troppo umano di carne... lo spirito spinge... e strappa... il corpo è veramente un impiccio... un limite, tu esplodi attraverso i pori... fughe per lo spirito!
  • Giusy Lupi il 03/02/2011 15:10
    Bellissima poesia, complimenti Grande Vincenzo aggiungo 5 stelle.
    Ciao Giusy
  • Amorina Rojo il 03/02/2011 14:32
    Deh... che poesia. La proporrei come obbligo da imparare a memoria per i Somellier aspiranti o affermati che siano. Hai divinizzato ed umanizzato insieme questo nettare frutto di sole, cielo e mare.
    Alcune strofe danno l'esatta sensazione dell'ebrezza poetica. Sei un Monstrum, Vincenzo... baci divini.
  • Alessandro Moschini il 03/02/2011 13:26
    In Vino Veritas caro Vincenzo. Applausi a 5 stelle
  • antonio pascarella il 03/02/2011 12:43
    5 stelline
  • karen tognini il 03/02/2011 12:37
    il tuo corpo si spoglia nel mio... vola
    in notti di soave amore... un po' ubriaco... ma di-vino...

    Vincenzo è STUPENDA...

    k
  • carmela marrazzo il 03/02/2011 12:22
    mi colpisce molto l'armonia dei versi... molto piaciuta.
  • lucia pulpo il 03/02/2011 12:04
    ... danzando sui raggi di un albero...
    l'importante è inebriare la vita con passione!
    e la tua è risoluta ma leggera ed invitante!
  • Christian Lezzi il 03/02/2011 11:30
    molto bella, complimenti Vincenzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0