username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La terrazza

La terrazza sovrastava il paesaggio
in un giorno d'estate di tanti anni fa.
Lo sguardo restava per ore a cercare,
a frugare nel verde le più piccole
presenze di vita sommersa, operosa.
Sole accecante se incontravo il suo occhio,
calura che accarezzava le membra scoperte
che indugiavano languidamente esposte.
Virgole veloci schizzavano in un cielo
che si offriva generoso a me che lo contemplavo.
Pigra, indolente, socchiudevo le palpebre
tendendo l'orecchio a rumori lontani,
di rintocchi felici, di risate nell'aia
che cullavano dolci il mio lento godere.
Oggi ritrovo l'antica terrazza, ma non è più la stessa
dei ricordi passati, di stagione benigna e di voci amate.
Mi aggiro in solitaria attesa di quella fanciulla
dagli occhi sognanti, dal corpo sinuoso
che amava indugiare in ozi fattori di gioie proibite.
L'attesa è disillusa, il tempo è passato, non torna più indietro,
richiudo la terrazza e sorrido al domani.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • maria anita acciarini il 05/02/2011 00:06
    Giacomo, amico mio, grazie per il commento.
  • maria anita acciarini il 05/02/2011 00:04
    Giacomo, amico mio, che piacere sapere che mi hai trovata e letto con piacere.
  • maria anita acciarini il 05/02/2011 00:02
    grazie Laura per esserti fermata a leggermi.
  • Giacomo Scimonelli il 04/02/2011 23:59
    ... richiudo la terrazza.. e sorrido al domani...
    versi che entrano nel cuore del lettore
  • laura marchetti il 04/02/2011 17:04
    una terrazza che ci accomuna, altro luogo ma lo stesso del cuore...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0