accedi   |   crea nuovo account

La nebbia

Come sottile velo avanza dal mare
portando odore di ricordi lontani
misti a salsedine e profumi di alghe.
Lo sguardo si perde oltre la coltre
ora più fitta, gli odori più intensi.
Il cuore sussulta, la mente si arrende,
il corpo si lascia pian piano toccare,
è un soffio leggero che bagna, che avvolge,
ti inghiotte decisa, non torni più indietro.
Ritorni al passato, ti appare sfocato,
parole soffiate, risate spezzate, abbracci perduti
chissà dove e quando ti stringono il cuore
ma non puoi gridare, la nebbia ti lega
con lacci che senti pesanti, tiranni,
ti legano stretto, non hanno rispetto.
E intanto la vita ti passa davanti, la vedi
la senti, non fa più rumore, ti lascia guardare
ma non sei più tu.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 04/02/2011 23:58
    è stupenda... i tuoi versi trasmettono delle sensazioni gradevoli.. bellissima
  • Luigi Zaninoni il 04/02/2011 19:18
    La nebbia è un tema anche a me molto caro, mi piaciono le sensazioni che trapelano dalla tua poesia, bella!
  • maria anita acciarini il 04/02/2011 18:42
    GRAZIE LAURA PER IL TUO COMMENTO.
  • laura marchetti il 04/02/2011 17:02
    vita e sensazioni nascoste dentro quella nebbia... bella!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0