PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Assetata l'anima mia

L'anima mia arsa,
ha sete di te.
Vagante in un deserto
alla ricerca di un oasi,
la mia bocca brama
il tuo sapore.
Sete di te i miei fianchi,
sete di te i miei occhi,
sete di te le mie mani.
La frenesia mi prende,
il tuo pensiero
mi lacera le membra.
Tu così desiderato,
tu così cercato,
tardi ad arrivare.
Disidrati ormai
il mio labile corpo
provato da innumerevoli delusioni.
Abituata ormai l'anima mia
all'arsura
si terrorizza al sapore dell'acqua
un solo nome Amore.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Federica Cavalera il 05/02/2011 18:20
    lo so Antonino è stata una svista
  • Anonimo il 05/02/2011 17:15
    Oasi è femminile, ci vuole l'apostrofo
  • Giusy Lupi il 05/02/2011 16:12
    Si terrorizza al sapore dell'acqua...
    un solo nome Amore...
    Poesia d'amore tradotta in sete, sete di acqua quella che ti disseta, ma ti fa sentire disidratata se non ne hai, che ti fa capire che solo con lei ti puoi dissetare... Amare... Molo particolare e bella, complimenti.
    Ciao GIusy

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0