accedi   |   crea nuovo account

Ricco e povero anche dopo morti

Una bella tomba,
con un angelo di marmo
che ti guarda impietosito,
ti ricorda
chi qui
è seppellito,
e quando
più fastosa
è,
più ti attira,
chissà che sant'uomo
in vita
costui era;
affianco
fra ortiche
e selvagge piante,
un'altra tomba,
indecifrabile il nome,
e tutti
lo ignorano,
da un piccolo frammento
per caso scorto,
era un monachino,
che per il suo gregge
elemosinare,
di stenti
al fin
crepare.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 06/02/2011 22:32
    un angelo di marmo.. o selvagge piante... chissà cosa è meglio... dove c'è più vita..

    Bravo Don..
  • Elisabetta Fabrini il 05/02/2011 23:12
    Molto molto bella... fa riflettere!!
    bravissimo Don!
  • Giacomo Scimonelli il 05/02/2011 22:37
    sei sempre il solito Don... cioè bravissimo
  • Dolce Sorriso il 05/02/2011 20:46
    mi piace molto... bravo Don, sai sempre stupire...
  • Giusy Lupi il 05/02/2011 18:10
    CIAO, DON TRISTE E AFFASCINANTE LA TUA POESIA.
    COMPLIMENTI PIACIUTISSIMA...
    PURTROPPO ANCHE DOPO LA MORTE... IL RICCO E IL POVERO...
    GIUSY

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0