PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Maggio '95

Prima che piovesse
sulle nostre guance
in un tempo abile
a fabbricar rimpianti.

Prima che il vento
ci portasse via
in un movimento
di stasi infinita.

Era la stagione
dei temporali
che non possono
bagnarci.

Ora io so
cosa si prova
a camminare
dopo aver volato.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 06/04/2011 20:39
    pensa che non tutti hanno mai volato... e continuerai a farlo... bella tommi
  • Bruno Briasco il 29/03/2011 16:15
    caro Tommy dove sei andato a finire? aspettiamo altre da te. Un abbraccio
  • Anonimo il 23/02/2011 21:16
    Mi dispiace. Ma non sei il solo a provare certe sensazioni. Consolati!
  • Bruno Briasco il 09/02/2011 09:54
    E allora vola amico mio... il camminare stanca! Bella poesia.
  • silvia giatti il 06/02/2011 15:46
    bellissima tommy
    statuaria!
  • Mario Olimpieri il 06/02/2011 12:00
    Gli ultimi versi manifestano un alto senso poetico, e ben descrivono quanto sia duro camminare dopo aver provato l'ebbrezza del volo.
  • Manuel Cassina il 05/02/2011 21:47
    Malinconia nelle pieghe dell'amore. Bella.
  • vincent corbo il 05/02/2011 19:29
    Bravissimo Tommy e benvenuto nel sito.