accedi   |   crea nuovo account

'Na favola pe Bulletta

fu in un giorno d'inizio primavera
che un micio ch'era un ber gatto siamese
mentre er sole calava verso sera
pensanno a fasse un giro per paese
fece un incontro che nun s'aspettava:
c'era na micia che je sgnavolava

e cosi in Maggio a la fine der mese
Bulletta la più forte e la più nera
venne ar monno co sei sorelle offese
dar fatto che cor cibo quanno c'era
la parte mejo infine sempre annava
solo a lei e guai a chi je s'avvicinava

ma le sorelle quanno che cresciute
fecero branco e senza troppa boria
s'accorsero d'èsse più cazzute
e quindi certe d'ottenè vittoria
la presero da sola e co du graffi
"j'allisciarono" er pelo co li baffi

Bulletta che 'n poteva più discute
capì ch'era finita la baldoria
e se ne annò pe terre sconosciute
ma la morale de sta triste storia
è che si de violenza te ciannaffi
finisci pe pagà quello ch'araffi

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Antonio d'Abbieri il 13/06/2015 14:51
    Anche a me è piaciuta molto. Bella la morale finale e l'insegnamento che "l'unione fa la forza". In caro saluto.
  • Bruno Briasco il 30/05/2011 14:43
    A me è piaciuta molto e devo darne atto. Bravo Giulio, una bella favola con un finale a morale giusto pe sta' storia salutare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0