accedi   |   crea nuovo account

Assioma 5- canone alla seconda- variante

Piano, piano
la crepa si allarga
piano, piano l'impero si sgretola
nel tremore della crosta
si spacca
nel sussulto tra le viscere
polverizza

E granello dopo l'altro sale la montagna
o s'espande sulla pianura
assolata accoglienza

Il deserto
primordiale forma
testimone scomodo e potente
d'un antico abisso
scontro titanico di terre emerse
sempre nel fondo del fondo
nucleo del fuoco

Tremore
e calma apparente
tremore
e calma ancora

Diluvio
glaciazione
sopravvento di cellula
parto di stelle

Tremore
e calma apparente
e tremore
e calma ancora

Nulla perduto
ancora sui i miei piedi nudi
s'attacca il granello
del un muro dei muri
caduto e mai lasciato
ma vagante dal tempo dei tempi

Ma io mi staccherò da lui
lo lascerò cadere nell'acqua che lo fece
perché viva
come me
inconsapevole evoluzione
che torna alla terra
e lo diventa

Piano, piano
la crepa si allarga
piano, piano l'impero si sgretola
nel tremore della crosta
si spacca
nel sussulto tra le viscere
polverizza
...
Tremore
e calma apparente
sopravvento di cellula
parto di stelle

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • rosanna erre il 12/03/2011 12:54
    ... ed io adoro i controcommenti!
  • laura cuppone il 11/03/2011 19:26

    adoro gli schianti...
  • rosanna erre il 11/03/2011 19:22
    se vuoi ne sarei onorata, ma non sentirti obbligata
    ... e casomai: non spaventarti!
    io t'ho avvisata!!!
  • laura cuppone il 11/03/2011 19:17

    ed io passeggio tra le tue di stanze...
    voglio guardare i tuoi quadri.. i fiori nei vasi... le maniglie di porte chiuse..
    i tuoi colori...

  • rosanna erre il 11/03/2011 19:10
    Se è un brutto periodo spero per te che passi...
    ma per piacere (mio e di molti altri) ... non tacere!
    Le tue parole sono piccoli fori da cui spiare stanze fantastiche
    Andrò a vedere cos'è questo "contrappunto" che già il nome mi ispira
    Sto leggendo un po' delle tue opere qundi preparati...
    dovrai essere tu a sopportarmi
  • laura cuppone il 11/03/2011 18:50
    beh
    non solo sono immensamente contenta che tu sia passata a trovarmi, ma lo sono anche perchè hai scelto di commentare... questa...

    ho cercato di "comporre" una poesia...
    e come per un brano musicale
    ho cercato di rendere l'idea dell'iterazione e dell'Assioma 5, il contrappunto.
    Impresa difficilissima..
    magari chi fa musica seriamente non metterebbe mai in pentagramma queste infime e sconclusionate geometrie..
    ma é, o tenta di esserlo, una poesia...
    ecco..
    il suo significato é intrinseco al contrappunto..
    una continua rinascita, una evoluzione dal principio alla fine, dalla fine al principio...

    nulla é a caso
    nè esclusivo del caos in un battito d'ali
    nè di una proiezione di mondi paralleli soltanto
    nè di uno sfioramento di vento... nè di un silenzio...

    grazie ancora Rosanna e soprattutto di sopportare i miei controcommenti abbastanza pesanti...
    in questo periodo lo sono
    ... pesante...
    passerà...
    e tacerò.. di nuovo.


    Laura
  • rosanna erre il 10/03/2011 23:46
    Il titolo mi ha attirata, leggo qua sotto che è riferito alla musica mentre a me aveva richiamato alla mente qualcosa di inerente a dei lavori stradali... ma mi sembrava un po' strano. Invece il testo assomiglia molto ad una composizione musicale, forse per via della ripetizione di alcuni versi e la chiusa a riprenderne altri.
    Le vicissitudini di quel granello danno una trama alla poesia...
    La parte dopo la cellula, sulla vita umana, dà anche un aspetto più mistico e spirituale, come quasi a inserire anche l'elemento di una "reincarnazione allargata"
    In definitiva... mi fa venire in mente il mondo che rinasce dopo l'apocalisse
  • laura cuppone il 08/02/2011 09:38
    lori...

    ho voluto dare un titolo per una composizione musicale ad una composizione "poetica".
    le vite di noi tutti sono così...
    cominciano da una fine sconosciuta
    finiscono allo stesso modo
    e siamo riciclo celeste
    e siamo figli della terra e suoi progenitori... in altre forme, ovviamente...

    grazie infinite!
    Laura
  • loretta margherita citarei il 06/02/2011 21:34

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0