accedi   |   crea nuovo account

A 900 metri e rotti

In quel Paese
di brava gente,
ove santi,
onorevoli e presidenti
avuti abbiamo,
ci onora
l'avuto
alloro,
ma dimenticar
mai dobbiamo,
il contadino
e il maniscalco,
che mangiar
ci dà
e tutto raddrizza,
a volte
anche
le stolte
coscienze.

 

2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • angela testa il 22/11/2013 14:47
    ecco la sensibilità di un artista.. che scrive con la penna e con il cuore... bravissimo... tanti complimenti...
  • Giacomo Scimonelli il 08/02/2011 10:37
    hai perfettamente ragione... i tuoi pensieri dovrebbero penetrare nella testa di tutti noi...
  • Anonimo il 07/02/2011 18:15
    Non c'è mai niente di umile nella semplicità... e prtroppo oggi di semplice non si fa più nulla... solo microchip!!!!!
    e li in quel piccolissimo spazio... un cuore grande non ci starà mai!!!!!
  • Giusy Lupi il 07/02/2011 17:19
    Poesia che fa riflettere, come al solito sei un Grande Don, molto piaciuta + 5 stelle.
    Con l'occasione ti auguro buon inizio settimana.
    Ciao Giusy
  • giuliano cimino il 07/02/2011 15:22
    complimenti in questo brutto periodo dell'Italia, una dolce riflessione
  • Anonimo il 07/02/2011 15:13
    Anche io, sono in linea con il bravissimo Vincenzo e la Dolce Karen... Non meno brava
  • karen tognini il 07/02/2011 15:11
    Bellissima Don... concordo con quello che ha detto Vincenzo...
  • Vincenzo Capitanucci il 07/02/2011 14:52
    Ci vorrebbe un gran Maniscalco... che calcando con le Sue poderose mani.. ci radrizzasse tutti...

    Tu.. il Tuo lavoro poetico.. di donare coscienza... Don.. lo fai bene..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0