PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La notte

Eccola che arriva ha un incedere elegante e deciso mi guarda fisso negli occhi. Ecco, che da ambo i lati, si affiancano le due mie nemiche. Lei ha i capelli di un nero intenso e fulgido sa che è la padrona di queste mie ore ma la sua presenza non mi è sgradita. La notte può essere bella e serena. Sono le sue amiche che mi assalgono l'insonnia e la solitudine sono loro che con arroganza e prepotenza si ergono a padrone di questo mio tempo e mi tengono compagnia fin quando le vedo scomparire con il loro incedere sicuro, voltano il capo smuovendo le chiome mi fissano ancora come se mi dicessero, stai tranquillo torneremo anche domani.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Dora Forino il 04/05/2013 14:12
    Le notti in cui abbiamo dormito è come se non fossero mai esistite. Restano nella memoria solo quelle in cui non abbiamo chiuso occhio: notte vuol dire notte insonne...
    Spesso succede!
  • Vincenzo Capitanucci il 08/02/2011 16:55
    Notti serene.. notti di solitudini e d'insonnia..

    Molto bella.. Giuseppe...è ampio il ventre della notte... e non ci sono solo stelle.. ma immensi buchi neri..