username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Agonie domenicali

Ruba, la nebbia, la piazza agli occhi
e fra le luci dimenticate della festa
l'eco sola
è rimasta della frittella.

Inseguirò i miei pensieri
altrove, a casa,
sulle piastrelle della cucina,

al capezzale di una domenica morente.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Tony Golfarelli il 28/04/2011 08:12
    Bella descrizione di qualcosa di cui sono pratico
  • Anonimo il 27/04/2011 16:25
    Capita, specialmente se in un giorno di festa senti che ti manca qualcuno
  • Bruno Briasco il 16/04/2011 16:07
    Nostalgica forse triste ma la vita continua e la settimana sovrasta! Ciaociao
  • Ada FIRINO il 20/02/2011 23:49
    sìsìsìsìsìsìsìsìsìsìsìsì!
  • laura cuppone il 17/02/2011 10:39
    Questa mi era sfuggita...
    spettacolo!
    malinconica... nostalgica e vera..
    concentrata...
    pomodorinoooooooooooooo!!!!!!!!!

    tvb...
    bravo talpina.
    Lau
  • ELISA DURANTE il 15/02/2011 14:49
    E se si va così verso il lunedì... siamo davvero fritti!!!
  • Bruno Briasco il 13/02/2011 11:08
    Non male, anzi...
  • Donato Delfin8 il 11/02/2011 16:14
    Ah bè sempre a papare... basta non farsi mandare a farsi figgere zi zi

  • Aedo il 09/02/2011 23:51
    Concordo con Cinzia: poesia moto bella, arricchita da un pizzico d'ironia. Ciao
  • Cinzia Gargiulo il 09/02/2011 23:28
    Per forza che è rimasto solo l'eco delle frittelle te le sei mangiate tutte!
    Ormai conosciamo tutti la tua golosità...
    Ah bé la poesia è molto bella... zì... zì...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0