PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Madre

Nei tortuosi
meandri della mente
ti vedo
nuda e violata
che ti lasci calpestare
dal maschio dominante
.. schiava..
che godi
di godimenti altrui...
un'esaltazione
mi invade
la rabbia del sopruso
si confonde
con l'oblio
Perchè femmina
perchè questo soffrire
perchè...

 

1
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 31/07/2012 16:00
    Ricorda molto 'La ballata della donna ertana', di Mauro Corona. La vita della donna, apparentemente bella, esprime sempre la colpa di qualcosa e la negazione dei diritti, perfino il godimento è subordinato a quello dell'uomo. Molte donne almeno una volta nella vita avranno provato questo senso di inferiorità dovuto allo sguardo dell'uomo.

9 commenti:

  • Francesca La Torre il 13/03/2011 15:46
    Trovo questa poesia stupenda, sia nel contenuto sia per come l'hai saputa scrivere, hai trattato un argomento, quello della donna e allo stesso tempo della madre, con cruda verita', complimenti.
  • Gabry Tedesco il 10/02/2011 23:59
    davvero molto forte questa tua poesia, ma allo stesso tempo molto bella, compliemti
  • laura marchetti il 10/02/2011 21:44
    una poesia forte e sofferta che pone l'accento su un lato che purtroppo e troppo spesso rimane oscuro... quello che crediamo amore ma che in realtà è solo travestito
  • mariella mulas il 10/02/2011 16:29
    Carissima Silvia tremendamente sentita in tutta la sua amarezza ed è bellissima, bellissima e prorompente di quella forza che condanna se l'amore diviene sopruso! Complimenti!
  • laura cuppone il 10/02/2011 12:17
    bene...
    non ho letto forse in profondità
    ... ma di cosa é schiava una madre?
    dei figli o della maternità?
    del concetto del dover essere in un certo modo per amore o per forza, o del comportamento ribelle e spocchioso dei figli?
    che certe schiavitù siano psicologiche o fisiche sono malesere diffuso, dovuto a qualcosa che sfugge di mano...
    troppa bontà... troppa fiducia... troppi sogni... o troppo egoismo...

    non sono madre e mi scuso umilmente con chi lo é e conosce la situazione molto meglio di me... anzi la conosce e basta.

    grazie silvia.

    Laura
  • carmela marrazzo il 10/02/2011 10:24
    essere madre non implica necessariamente esser schiava. Credo che ci si possa sempre ribellare alla dominazione, se la si sente come tale.
  • laura cuppone il 10/02/2011 08:39
    Ora più che mai la donna e' schiava del suo stesso egoismo. Mi spiace ma non provo commiserevole comprensione, ne ritengo l'uomo potente l'unico responsabile... Non capisco il titolo... Laura
  • vincent corbo il 10/02/2011 08:36
    Non so perchè, ma ci sono donne che prediligono il ruolo delle sottomesse, non dico che sia il caso specifico, ma credo che chi si vuol ribellare alle sottomissioni e ai maltrattamenti alla fine ci riesce anche se non è facile.
  • Luigi Zaninoni il 10/02/2011 00:13
    che tristezza, mi rendo conto che la realtà non è sempre facile, anzi... questa poesia mi ha aiutato a riflettere sul fatto che a volte nella nostra disperazione non ci accorgiamo di chi accanto a noi silenziosamente a volte sta peggio di noi.
    comunque chi nonb rispetta le donne non è degno di essere considerato un uomo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0