username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Movimento

Sedimenti
trasportati dal movimento
nel profondo
lenti
come fiamma senza vento

Sbaglierò ancora
senza rimpianti
su una cintura spaziale
scivolerò
scegliendo sempre con cura
i salti adeguati alla creta

E tutto mi spingerà
dove tu non sei
e tutto mi porterà
a suonare nuove canzoni
dopo lunghe pause d'assestamento
ma ti vedo
rinchiuso in me
ancora a pugni chiusi
a pugni chiusi

E sento salire visioni confuse
dove il mio orgoglio tace
confusamente
appoggio le dita alle tempie
e non mi chiedo perché
la corda tenda all'invisibile
e non mi chiedo perché
le bende calino solo la notte

Mentre giro intorno in tondo
mentre mi cerco dentro un pozzo
mentre applaudono le mie ore
la tua placenta mi aspetta
sul pavimento di quella stanza
chiamata mai
chiamata sempre.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • laura cuppone il 22/02/2011 08:51
    grazie salvatore, lory, dolce, umbe, al graditissimo e inaspettato ivan, e alla dolce elisa.

    Laura
  • ELISA DURANTE il 17/02/2011 10:58
    Molto bella! Dà veramente il senso dell'eternità !
  • Ivan Bui il 14/02/2011 09:35
    Ti riconoscerei tra mille... dolcissimi versi, dolcissima Laura. Bravisima.
  • Anonimo il 11/02/2011 23:25
    Bellissima, Laura, la corda che tende all'invisibile, all'infinito, alla fine del tempo e dello spazio. Che brava. Un bacione.
  • Dolce Sorriso il 11/02/2011 22:10
    un amore eterno che resta nel cuore,
    che si sveglia al mattino nel primo pensiero,
    un amore... e basta.
    Sei bellissima Laura...
    smack
  • loretta margherita citarei il 11/02/2011 21:53
    stupenda, concordo col paolini
  • Salvatore Ferranti il 11/02/2011 19:56
    meravigliosa poesia... un milione di applausi...
  • laura cuppone il 11/02/2011 17:45
    vero...
    i limiti però sono tanti...
    ... odio il cibo confezionato e non possiedo(grazie al cielo) abiti di lusso...
    forse uno si...
    la mia pelle!!!


    un bacio anche a te dolce guerriero della steppa...
    lupo di mare...
    Laura
  • giuliano paolini il 11/02/2011 14:40
    il limite delle persone davvero grandi quali tu sei e mi ci metto anche io e' quello di lasciarsi troppo affezionare alle armonie note, ti prego prendimi la mano e lascia con dolcezza la tua nella mia in modo che possiamo mescolarci dove non avremmo mai pensato di scivolare inconsapevoli del sorgere delle giornate senza cibo confezionato e abiti di lusso. se non sei pronta porto il pronto. ciao e baci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0