accedi   |   crea nuovo account

Se, se

Se... se...
Sentiette na vota, è me dicere stì ccose:

Se canto, sei la mia musica;
se corro, sei la mia strada;
se piango, sei le mie lacrime;
se muoio, sei la mia anima...

Sé, sé, tu nun me faje cantà,
'e manc' mè faj correre,
cu ttè so sulo lacreme
e 'a mort' me fai cercà...

Se respiro, sei la mia aria;
se dormo, sei il mio sogno;
se soffro, sei il mio dolore;
se temo, sei la mia paura...

Sé, sé, 'nnà vuò fernì e dicere strunzat?

Ma chè rispir' 'a ffà,
se chella nun te dà aurienz?
Sé, sé, suoffr' suoffr,
sì na scella 'e baccalà!

Mamma mia, quante voci nella testa,
sembra un coro della festa,
della chiesa la campana
pare piccola e lontana...

Noo, 'o scè, nun'è nu coro
e nemmanc' llì campane
è sulo 'o pensiero tujo ca ggira ggira
semp' addù essa va 'a ffernì

Dimmi che mi sbaglio,
che mi vuoi quanto io ti voglio,
e di nuovo riempirò questo foglio
di gioia di amore e di orgoglio!

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 11/02/2011 14:27
    In poesia l'associazione del vernacolo alla lingua madre, per giunta con la rima bene equilibrata, costituisce una tecnica nutrita di creatività e ottima preparazione.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0