PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Grado

Grado,
malinconica culla della civiltà
che mai non brucia,
ignifughi i volti
come opachi cristalli.

Per me sei madre feconda
di nostalgie silenti e sperdute,
come in questa notte:
sotto una Luna gialla di lampione,
là svanisce la nebbia lucente,
l'aureola argentata di strade
ricolme di buio soltanto,


dove le nere lingue marine
atterrano nuvole spente,
laggiù i viscidi dorsi
lubrici vanno
e scivolano sempre,
non li puoi seguire
ma ne odi la morte
sciabordare.

 

2
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0