username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'Ammore

L'Ammore, ma che cosa doce,
a chiu doce ca ce stà.
L'Ammore è na mano ca t'accarezza,
è comme a na madonna
ca cumpare rind u scure,
e tu sai ca nun si sule!
L'Ammore è u fuoco ca t'appicce rind,
na forza ca te piglia mbracce,
te da curaggio, e t'abbracce,
te stregne forte
rind e mane soie,
e respir rind u respiro tuoie.
L'Ammore è u sole ca te scarfe,
u mare ca te bagna,
nu piezz e luce
ca te illumina sta vita.
Quanne t'annamure te sient strano,
chiu cresciut rind u core,
e stu core sbatte, sbatte forte, comme o mare,
nun se vo chiù fermà
Pe me tu si l'Ammore,
si tu ca me fai sbatter u core,
si tu ca si pure nun u saie
m'astrigne forte rind e bracce,
e nun me lasse maie.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Maurizio Cortese il 13/02/2011 23:15
    Poesia che affonda le sue radici nella più vera napoletanità.
  • Giuseppe Tiloca il 13/02/2011 20:45
    L'ho letta con difficoltà, ma l'ho capita, bè, inizialmente l'ho letta per il titolo, che mi ricorda, qualcosa. Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0