accedi   |   crea nuovo account

Il cuore caldo di Ahmed

Le ombre si rincorrono negli stretti vicoli
e giocano tra le mura insanguinate di Jenin.
Il popolo di Palestina s'intreccia coi rami di ulivo
tra le ricchezze di una terra che accoglie...
che amorevolmente attende di custodire due numi.
I volti danzano nei rimorsi
come soave memoria tra candele di ricordi.
Com'è luccicante, festoso, azzurro questo mattino.
La gioia dei miei compagni è interrotta
da uno sparo che mi trascina sul terreno.
Il giocattolo non è più tra le dita,
la canna di un fucile è ancora caldo
e mia madre... le sue urla disperate,
le sue carezze sulla fronte,
le preghiere di mio padre.
Il dono della vita avanza impetuoso
nutrito sotto la pelle rosea di Samah.
Il fragile eroe ha incantato il mondo.
Sono pure tenerezze, risate squillanti,
un luminoso giorno svelato...
è questo il cuore caldo offerto ad un bimbo fiducioso.
Le parole antiche sono sospese tra passato e futuro
... raccontano di visioni, raccontano di pace.

 

l'autore Mariacarmela Ribecco ha riportato queste note sull'opera

Opera dedicata al piccolo Ahmed Ismail Khatib


0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0